Cimec

Le 13 nuove birre italiane presenti nella box del Ballo delle Debuttanti 2022

In questi giorni l’attesa per la Italy Beer Week 2022 sta crescendo in maniera spasmodica e mancano ormai poco più di dieci giorni all’inizio dell’iniziativa a firma Cronache di Birra. Quest’anno i motivi per partecipare alla più grande celebrazione italiana della birra artigianale sono diversi, in primis la possibilità di tornare a brindare in presenza dopo la “clausura” forzata dello scorso anno. Ma tra le ragioni per aspettare la Italy Beer Week c’è il consueto evento nell’evento: il Ballo delle Debuttanti, con cui presenteremo 13 birre inedite da altrettanti birrifici italiani. Come lo scorso anno, anche in questa occasione il format prenderà la forma di una box esclusiva acquistabile sul sito di 1001Birre, in cui troverete tutte le creazioni, da assaggiare – se lo vorrete – insieme agli stessi birrai durante i quattro appuntamenti previsti dal programma ufficiale della Italy Beer Week. Oggi è arrivato il momento di svelarvi le 13 debuttanti di quest’anno, che vanno a creare una line-up di straordinario livello.

Acquista la box

VìV – Cask Irpinia Barrel

Cominciamo con la birra con cui la cantina brassicola Cask Irpinia Barrel (sito web) ha vinto il contest Birrificio Debuttante 2022 organizzato in collaborazione con Lallemand. Avevamo chiesto ai partecipanti di creare una ricetta originale utilizzando il lievito LalBrew Farmhouse™ e quella di Antonio De Feo e Liberato Manna ha conquistato la nostra giuria: la VìV (4%) è un ibrido tra una Berliner Weisse e una Saison, affinata con un rapido passaggio in botte dove sono state anche aggiunte scorze di pompelmo (1 g/L). Al naso risulta agrumata e lievemente speziata, al gusto fresca e facile da bere. Al palato si percepisce una spiccata acidità, cui seguono piacevoli note citriche. Una birra non certo usuale, che Liberato ci ha raccontato nel dettaglio durante l’evento streaming organizzato in occasione della premiazione del concorso.

Mastiodontica – Mastio

Tra le tante luppolate della box di quest’anno si segnala la Double IPA del birrificio marchigiano Mastio (sito web), creata in collaborazione con l’azienda BarthHaas X. La birra ricalca il modello delle IPA “imperiali” degli Stati Uniti, unendo incisività ed equilibrio ed elevando a protagonisti i luppoli di stampo moderno. Sono proprio le varietà El Dorado e Mosaic a caratterizzare il profilo aromatico, valorizzano al massimo la resa della componente luppolata grazie al ricorso ai formati Incognito e Spectrum. La Mastiodontica (8%) è potente e muscolare, dal tenore alcolico elevato e decisamente amara, ma anche equilibrata e pericolosamente facile da bere.

One Love – Birra dell’Eremo

C’è grande attesa intorno all’inedita One Love (6,8%) di Birra dell’Eremo (sito web), birrificio che accompagna la Italy Beer Week ormai da anni e che siamo felicissimi di avere a bordo anche in questa edizione. La birra, che fa parte della linea speciale Blind, è una West Coast IPA prodotta con luppolo in fiore fresco, congelato appena raccolto nella farm americana della Yakima Chief. È una birra dal colore oro carico con schiuma bianca, fine e pannosa. Al naso è esplosiva, con sensazioni erbacee e agrumate, intense e prolungate che si ritrovano anche al palato. In bocca è delicatamente amara, pulita e asciutta. IPA dalla facilità di bevuta sconvolgente, in cui l’utilizzo del luppolo in fiore regala sensazioni disarmanti.

Don’t Panic – Liquida

Altro grande esponente delle birre luppolate è il birrificio Liquida (sito web), che quest’anno partecipa al Ballo delle Debuttanti con la sua interessantissima Don’t Panic (5,2%). La ricetta è ispirata alle American IPA del New England, come appare evidente sin dall’aspetto decisamente velato. Di colore giallo paglierino, si contraddistingue per un cappello di schiuma bianca fine e persistente, mentre al naso si percepiscono in maniera netta i sentori di frutta tropicale provenienti dal luppolo Galaxy. In bocca risulta vellutata, morbida e beverina. Non vediamo l’ora di assaggiare questa nuova creazione del birraio Luca Tassinati.

Crazy Shot 12 – Birra Mastino

Uno dei “debutti tra le Debuttanti” è quello del Birrificio Mastino (sito web), che quest’anno partecipa per la prima volta alla nostra iniziativa con la dodicesima release della sua linea parallela Crazy Shot. Se siete amanti delle basse fermentazioni esulterete sapendo che la Crazy Shot 12 (5,6%) è una classica Keller, ispirata alle tipiche birre della Franconia. Si distingue per un aspetto velato (causa assenza di filtrazione) e un colore dorato carico, quasi ambrato. Al naso si riconoscono prima note di panificato, poi un lieve fruttato (mela gialla) e infine un fresco aroma erbaceo. Al palato spicca la fragranza dei malti, bilanciata da un’elegante luppolatura che emerge sul finale, rendendo la bevuta più snella.

(S’è) Espresso – War

Altra prestigiosa new entry al Ballo delle Debuttanti è quella del birrificio lombardo War (sito web), che si presenta con una creazione fuori dagli standard. La sua (S’è) Espresso (6%) è infatti una Coffee Lager che prevede l’impiego di caffè in maniera inusuale, cioè sulla base di una normale Helles. L’ingrediente speciale è una miscela 100% arabica del Brasile fornita da Orsonero Coffee e aggiunta macinata in fase di fermentazione, per conferire note fruttate e verdi che risultano perfettamente armonizzate con i toni di frutta secca e fave di cacao provenienti dalla componente tostata. Se non avete mai assaggiato una birra chiara al caffè, questo è l’occasione giusta per sperimentare qualcosa di nuovo.

Pilot Lab IPA 05 – Brewfist

Siamo felici di annunciare la prima partecipazione del birrificio Brewfist (sito web) all’edizione 2022 del Ballo delle Debuttanti. Il produttore lombardo ha deciso di iscrivere l’ultima incarnazione del suo progetto Pilot Lab, dedicato a produzioni sperimentali e one shot. La Pilot Lab IPA 05 (6,1%) è una American IPA monomalto e monoluppolo, in cui protagonista assoluto è il luppolo sperimentale HBC 630, che caratterizza il profilo aromatico con intense note agrumate, accompagnate da sfumature di ciliegia, banana, pesca, lampone e cocco. Al palato il malto Golden Promise fornisce una solida base che valorizza al massimo la resa dei luppoli. Chiude con un piacevole amaro finale.

Saison de la Pisana – Eternal City Brewing

Come il nome suggerisce, la debuttante di quest’anno del birrificio romano Eternal City Brewing (sito web) è una Saison in classico stile belga. La Saison de la Pisana (6,2%), infatti, si presenta con un colore giallo paglierino che ricorda il fieno e ostenta note speziate e di frutta gialla, sia in bocca che al naso. La chiusura leggermente amara facilita ulteriormente la bevuta, già di per sé agevole anche per via della secchezza finale, tipica dello stile. Se siete amanti di questa tipologia, capace di regalare sensazioni meravigliose, sicuramente non vedrete l’ora di assaggiare l’interpretazione di Eternal City Brewing.

Fovea Light – Rebeers

 

Dopo il successo della sua Fovea, birra sperimentale prodotta con solo malto di grano duro, il birrificio pugliese Rebeers (sito web) si presenta al Ballo delle Debuttanti 2022 con la Fovea Light (3,3%), sorella minore della capostipite del progetto Fovea Revolution. Unica al mondo nel suo genere, la Fovea Light si contraddistingue per un profilo aromatico intrigante, in cui è possibile riconoscere le note di frutta, fiori, pane e cereali della Fovea in aggiunta al contributo dei luppoli americani usati in dry hopping. In aggiunta la Fovea Light è una birra a basso contenuto di glutine (sotto le 100 ppm).

Nicetools Stout – South Soul

Direttamente dal birrificio campano South Soul (sito web), alla sua prima partecipazione al Ballo delle Debuttanti, arriva questa Irish Stout piuttosto fedele allo stile di riferimento. La Nicetools Stout (4,3%) è realizzata con il ricorso a una generosa quantità di malti tostati che conferiscono note di caffè e cioccolato. Come nella più tradizionale delle interpretazioni dello stile, il corpo risulta decisamente scorrevole e contribuisce a rendere questa birra adatta a bevute in serie. Una tipica Stout da bancone!

Evoqesour #9 – Evoqe

La nona release della linea sour del birrificio Evoqe (sito web) è davvero molto particolare, dunque siamo davvero contenti di averla tra le Debuttanti del 2022. Battezzata Evoqesour #9 (1,6%), è una Fruit Ale dall’acidità decisa, in perfetto equilibrio con i sentori fruttati dati dalla dolcezza dell’ananas e dalla persistente nota agrumata del pompelmo giallo. Di colore “bianco”, presenta un’elevata opalescenza. Nonostante la facile bevibilità, esaltata anche dal basso grado alcolico, al palato esprime tutto il suo carattere con un corpo pieno e una setosità avvolgente.

Scaja – Balabiòtt

Si chiama Scaja (8%) la birra in stile Tripel con cui il birrificio Balabiòtt (sito web) si presenta al Ballo delle Debuttanti 2022. Di colore giallo paglierino con schiuma candida e cremosa, la Scaja mostra al naso le note delicatamente speziate e alcoliche tipiche della tipologia, accompagnate da una tenue sfumatura di acacia. In bocca l’apporto speziato e pepato dei fenoli ben si sposa con la parte fruttata che richiama la frutta a polpa gialla. Gli alcoli sono morbidi e rotondi, così da non infastidire la bevuta, resa anzi scorrevole dalla netta secchezza.

I’m so hoppy – Birra Claterna

Prima partecipazione al Ballo delle Debuttanti per il giovane birrificio Birra Claterna (sito web) di Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna. La I’m so hoppy (6,7%) è un’American IPA realizzata sul modello della costa occidentale degli USA. In aroma si distinguono esplosive note fruttate (frutta tropicale, ananas, agrumi e uva fragola), ma anche un delicato tono erbaceo e resinoso. Il gusto è sorprendente: una leggera nota dolce lascia velocemente spazio ad un amaro deciso e persistente. Una West Coast IPA che non vediamo l’ora di assaggiare!

L'autore: Andrea Turco

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore. È organizzatore della Italy Beer Week, fondatore della piattaforma Formazione Birra e tra i creatori del festival Fermentazioni. Nel tempo libero beve.

Leggi anche

Nuove birre da MC-77 (anche con Birrificio Italiano), P3, Eastside, Ofelia e Malaspina

Nel linguaggio brassicolo con la sigla POF+ si indicano quei ceppi di lievito capaci di …

Nuove birre da Ritual Lab, Liquida, War, Mister B e altri

Nelle scorse settimane Cronache di Birra è rimasto in pausa, ma i birrifici italiani hanno …