Annunci

Birrificio vende impianto di maltazione da 500 kg di orzo per ciclo

Vendesi impianto di maltazione Braumaster Power-Malz del 2015 da...

Manifattura Birre Bologna è alla ricerca di un birraio con contratto full time

Manifattura Birre Bologna è alla ricerca di una figura...

Vendesi impianto di produzione completo e attrezzature

Birrificio in provincia di Milano vende intero impianto di...

Altra rivoluzione per Westvleteren: le birre saranno in vendita nei negozi dei Paesi Bassi

Per il birrificio trappista Westvleteren cade un altro tabù. Dopo essere stati costretti a etichettare le loro bottiglie, ora i monaci dell’abbazia belga di Sint Sixtus hanno deciso di rendere disponibili le proprie birre nei negozi di alcolici dei Paesi Bassi. Si tratta di una misura sperimentale della durata di un anno, con la quale i religiosi di Westvleteren vogliono smantellare il mercato secondario attivo in Olanda. Fino a oggi, infatti, acquistare le birre del birrificio trappista era piuttosto complicato: occorreva prenotarsi online, recarsi personalmente al monastero e ritirare al massimo una cassa da 24 bottiglie. La difficoltà nel reperimento delle bottiglie e l’oggettivo livello qualitativo delle birre hanno alimentato un mercato nero fortemente speculativo, con prezzi da capogiro. È un fenomeno presente in tutto il mondo (o almeno in Europa), ma che nei Paesi Bassi ha raggiunto una dimensione non più trascurabile.

Le prime birre di Westvleteren dovrebbero raggiungere i supermercati olandesi entro la metà di giugno. Non saranno usate le famose casse di legno del birrificio, bensì il distributore si occuperà di confezionarle in scatole di cartone, ognuna delle quali conterrà un mix delle tre birre di Westvleteren: 12, 8 e Blond. Secondo gli accordi, il distributore assume l’impegno di verificare che le vendite siano destinate esclusivamente a consumatori privati, escludendo quindi catering, ecommerce o altri negozi, e senza l’applicazione di ricarichi speculativi. Il negozio che non rispetterà questi criteri sarà escluso dalle future forniture, che avverranno a cadenza regolare. L’accordo riguarda circa 240.000 bottiglie e ovviamente sarà valido solo nei Paesi Bassi. In Belgio rimarrà tutto uguale a prima, con le regole in vigore fino a oggi.

Ultimi articoli

Prossimi eventi: La Bira te Fascia, Burp!, Porck’n Beer, Entropia Beer Fest e altri

Come abbiamo visto nelle scorse settimane, il weekend alle...

Nuovi birrifici e beer firm: Meltz, Birra di Mezzo e Pier Red

Qualche mese fa abbiamo aperto ai birrifici la possibilità...

Pastry Sour all’italiana: quando la birra dessert incontra l’acidità

Nella panoramica di ieri sulle nuove birre italiane abbiamo...

Nuove birre da Porta Bruciata, Opperbacco, Alder, War, Mister B e Eastside

Le Davidsbündlertänze sono una raccolta di diciotto brani per pianoforte scritti...

Newsletter

Al bancone è la nostra newsletter quindicinale con notizie, iniziative ed eventi sulla birra artigianale.

Seguici

28,485FansMi piace
14,233FollowerSegui
6,355FollowerSegui
272IscrittiIscriviti

Ultimi annunci

A Copenaghen sta nascendo un quartiere all’avanguardia nella storica sede produttiva di Carlsberg

La città di Copenaghen sta vivendo una trasformazione epocale grazie a Carlsberg. Come racconta il Corriere della Sera, infatti, nell'area in cui sorgeva l'antico...

House of Guinness: la famosa birra irlandese diventa una serie Netflix

La piattaforma Netflix ha annunciato House of Guinness, una serie tv in otto episodi che ripercorrerà la storia della celebre birra irlandese e della...

SuperEIGHT di Dogfish Head: una birra per sviluppare le pellicole cinematografiche

Può una birra essere utilizzata come liquido per sviluppare una pellicola fotografica? La risposta più ovvia è no, ma non è quella corretta. Negli...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui