Cimec
Home » Rubriche » Il fermentatore nell’armadio (pagina 2)

Il fermentatore nell’armadio

Produrre birra in casa è un hobby intrigante, variegato ed entusiasmante. Spesso viene vissuto con un incredibile trasporto, rivelando risvolti imprevedibili: come spiegare altrimenti l’idea di riempire l’armadio di casa col proprio fermentatore? Francesco Antonelli ci guida alla scoperta dell’homebrewing, raccontandoci la sua anima e i suoi aspetti più affascinanti.

I falsi miti sull’homebrewing

A un certo punto, durante le riunioni in famiglia con parenti e conoscenti lontani, esce fuori il tema birra. Quando il parente di quarto grado che vedo una volta l’anno scopre che faccio birra in casa, parte a razzo con le solite domande: “Ah, ti fai la birra da solo a casa? Ma viene buona? Costa tanto? Quanto ci vuole?”. …

Vai all'articolo »

Birra fatta in casa: quando l’infezione dilaga

Il termine “infetto” mi ha sempre fatto un po’ paura. Lo associo a film catastrofici americani dove una sconosciuta e mortale infezione si diffonde nelle grandi città mentre una manciata di eroi, lanciati in una adrenalinica corsa contro il tempo, tenta di trovare l’antidoto al male oscuro. In realtà, quando si parla di infezioni nel campo birrario, si fa riferimento …

Vai all'articolo »

Basta con i kit: è arrivato il momento di fare sul serio

Chi si cimenta nella produzione casalinga di birra, di solito parte dalla versione semplificata: il kit. Se le cose vanno bene, dopo poco passa alla tecnica all-grain che prevede l’utilizzo degli ingredienti base: malto, luppolo, acqua e lievito. Le guide a tema sul web sono innumerevoli, le informazioni talmente tante che inizialmente ci si sente spaesati. Ho pensato di passare …

Vai all'articolo »

Le mille professioni di un homebrewer

Nell’immaginario comune, la produzione di birra in casa viene associata spesso al solo pentolone che viene messo a bollire sul fuoco. Si pensa che l’homebrewer abbia a che fare più che altro con gli ingredienti base, un po’ di acqua e un tino di fermentazione. Se in generale questa visione può coincidere con la realtà, in moltissimi casi gli homebrewers, …

Vai all'articolo »

6 prototipi di homebrewer da prendere con le pinze

Oggi abbandoniamo i toni seriosi degli ultimi post e ci dedichiamo un po’ al cazzeggio. A metà strada tra il serio e il faceto, ho provato a stilizzare i profili tipici degli homebrewers che più spesso mi capita di incrociare in rete. Ce ne sarebbero molti altri, ma lo spazio limitato mi ha costretto a selezionare i ritratti più significativi. …

Vai all'articolo »

Perché gli homebrewers pensano di poter diventare birrai?

In un mercato che (per ora) non accenna a fermarsi, l’entusiasmo per la birra artigianale si fa sempre più forte e contagioso. Il numero dei birrifici continua a crescere a dismisura, come cresce anche il numero degli appassionati e soprattutto quello dei produttori casalinghi di birra. Tra questi ultimi, probabilmente, si nascondo i grandi birrai del futuro: coloro che finalmente …

Vai all'articolo »

Quattro buone ragioni per diventare un homebrewer

Fare birra in casa non significa solo smanettare sul fornello con dei pentoloni. Significa anche e soprattutto avventurarsi in un percorso di conoscenza ed esplorazione. Spesso si sottovaluta questo hobby, classificandolo come un divertimento un po’ rozzo e a volte anche troppo impegnativo. Ma le soddisfazioni sono molte e non sono solo legate alla produzione in sé. Oggi voglio ragionare su …

Vai all'articolo »

Cosa regalare a un homebrewer per Natale

Scegliere il regalo di Natale per un homebrewer non è semplice: chiedete a dieci homebrewer come producono birra in casa, otterrete dieci risposte differenti. C’è chi ha creato il suo impianto da zero, chi lo ha comprato bello e pronto, chi birrifica partendo dagli ingredienti base e chi invece usa estratti di malto. Insomma: scegliere il regalo giusto è spesso …

Vai all'articolo »