Cimec

Nuovi locali e tap room per i birrifici Ofelia, Monpiër, Cantina Errante, Beer In e Doppio Malto

Negli ultimi tempi il comparto brassicolo italiano sta vivendo una vera e propria età dell’oro, a testimoniarlo sono le numerose aperture di nuovi locali connessi a realtà produttive dirette in tutto il territorio nazionale. A fare la parte del leone in questo trend è senza dubbio il franchise Doppio Malto, che in pochi mesi ha aperto tre nuovi ristoranti incentrati sulla birra: uno in Emilia Romagna, nella città di Parma, e gli altri due in terra meneghina, a Legnano e vicino al Duomo di Milano. Spostandosi in Piemonte segnaliamo l’apertura della nuova Taproom di Beer In a Valdilana, nel biellese (in locali direttamente adiacenti alla sede produttiva), mentre in Toscana Cantina Errante ha inaugurato un nuovo spazio di somministrazione a Colle Val d’Elsa, in provincia di Siena. Infine in Veneto si registrano le aperture dell’Ofelia beerstrot di Vicenza e di Rifugio Monpiër a Verona.  Questi nuovi locali rappresentano una grande opportunità per tutti quei consumatori di birra artigianale che desiderano un rapporto diretto col produttore e vogliono assaporare creazioni uniche in luoghi totalmente immersi nella cultura brassicola. I birrifici, dal canto loro, possono sfruttarli per costruire relazioni più solide e confidenziali con l’intera comunità di appassionati, raccontando la birra artigianale dal proprio peculiare punto di vista. Scopriamo insieme questi nuovi indirizzi.

Ofelia Beerstrot

Il nuovo Ofelia Beerstrot, collocato nel centro storico di Vicenza al civico 135 di Corso Antonio Fogazzaro, è un locale dal carattere deciso e visionario. Quindici differenti referenze alla spina, tra birre autoprodotte, birre ospiti e kombucha, una selezione di panini stagionali e hot dog rivisitati in chiave gourmet, con scelta vegan, cicchetteria fusion per l’aperitivo e golosi fritti. Con la sua impronta Ofelia Beerstrot riformula il concetto di pub traslando il forte carattere immaginifico e la concretezza del birrificio artigianale dentro il cuore della città. In locali concepiti come uno spazio flessibile e multifunzionale, con un appeal moderno e innovativo, la passione e l’attenzione per la qualità dei prodotti locali impiegati si fondono con una visione proiettata al futuro riassumendo perfettamente lo spirito “senza compromessi” di OfeliaAperto dalle 16.00 per merende e aperitivi, fino a mezzanotte per cena e dopo cena, il Beerstrot è situato proprio a due passi dalla casa natale dello scrittore Antonio Fogazzaro e vicinissimo alla Biblioteca Internazionale “La Vigna”.

Ofelia Beerstrot
Corso Fogazzaro, 135
36100 Vicenza

Rifugio Monpiër

Nell’immaginario comune la parola rifugio richiama un ambiente sicuro e protetto dai pericoli del mondo. È questa l’idea dietro al nome del nuovo locale inaugurato dal Birrificio Monpiër a Verona, in via Zambelli 14 a due passi dalla casa di Giulietta. Rifugio Monpiër è molto più di una semplice birreria artigianale, è un luogo dove è possibile rivivere l’atmosfera magica delle Dolomiti e in cui si può assaporare la cucina e la pasticceria tradizionale dell’Alto Adige. Qui è possibile acquistare, oltre alle prelibatezze gastronomiche tipiche della Val Gardena, anche la meravigliosa oggettistica altoatesina. Non meno di otto spine al servizio degli avventori sono sempre disponibili con produzioni artigianali tipiche. La birra è onnipresente anche in bottiglia e in lattina, nei vari formati. Inoltre ristorante e shop sono sempre ben forniti di vini bianchi, rossi, rosè, dolci o frizzanti; spumanti, liquori e amari digestivi. Tante possibilità per il palato: crudité di trota salmonata, canederli di cavolo cappuccio, selezioni di taglieri con speck selezionati, filetto di cervo, strudel di mele e altre bontà da assaporare in un ambiente caldo e confortevole, che restituisce la sensazione di trovarsi in una baita di alta montagna. Se amate le atmosfere magiche tipiche del Südtirol e la birra artigianale di grande qualità, Rifugio Monpiër vale senza dubbio una visita.

Rifugio Monpiër
Via Giovanni Zambelli, 14
37121 Verona

Tap Room Cantina Errante

Cantina Errante amplia le possibilità di degustare ottime birre artigianali in Toscana grazie al nuovo punto vendita recentemente aperto a Colle Val d’Elsa, in provincia di Siena. Questa nuova tap room punta, oltre che sulla qualità dei prodotti somministrati al pubblico, anche su di un ambiente intimo ed accogliente, col tipico fascino antico e senza tempo di una cantina toscana. Grazie alla particolarità dei locali, caratterizzati da volte ad arco e da un arredamento rustico in legno e cotto, si possono ritrovare un calore e una familiarità che rendono l’esperienza davvero unica. Gli avventori possono accomodarsi al bancone, che svolge un ruolo chiave per la socialità e per il racconto del lavoro di ricerca sperimentale di Cantina Errante intorno alle fermentazioni spontanee, e vivere una situazione esperienziale strettamente legata al territorio. Il locale è dotato di un impianto a 7 vie, con tutte le spontanee direttamente autoprodotte e una selezione di birrifici ospiti prevalentemente toscani, ma con qualche chicca extraregionale o straniera. Non mancano le lattine, con interessanti proposte di birre luppolate e Stout. La tap room di Cantina Errante è aperta dal mercoledì alla domenica, dalle ore 18 alle 23.

Tap Room Cantina Errante
Piazza Bartolomeo, Scala 13
53024 Colle Val d’Elsa (SI)

Tap Room Beer In

Negli stessi spazi del birrificio Beer In (sito web) trova casa la nuova tap room, da poco inaugurata per accogliere gli avventori appassionati direttamente nel luogo in cui viene prodotta la loro birra preferita. L’ambiente è informale e rilassato, prevede ampi luoghi, sia al coperto che all’esterno in una zona giardino, dove degustare taglieri di salumi, appetizer, prodotti tipici e altro finger food in abbinamento alle ottime birre autoprodotte, sempre disponibili nell’impianto ad 8 vie che domina nella sala principale. Recentemente è stata introdotta anche una proposta food più consistente per valorizzare l’esperienza gastronomica dei visitatori. Questa nuova taproom è senza dubbio l’occasione giusta per approfondire la propria conoscenza del mondo delle birre artigianali e scambiare due parole con i birrai, sempre disponibile a nuove conoscenze con la vivace comunità del territorio. Se abitate nel biellese, o dovete passarci per ragioni di svago o lavoro, inutile dirvi che una tappa è praticamente obbligatoria. La tap room è aperta dal giovedì alla domenica, dalle ore 17 fino a mezzanotte.

Tap Room Beer In
Frazione Zoccolo 3/B
13835 Valdilana (BI)

Doppio Malto Parma, Milano Duomo e Legnano

Formula che vince non si cambia. Il successo di Doppio Malto è senza dubbio legato alla possibilità di bere ottima birra artigianale accostata a cibi di grande qualità, in un ambiente moderno ed informale. Negli ultimi mesi sono ben tre le nuove aperture, che si vanno ad aggiungere ai 30 ristoranti del marchio già presenti in Italia e ai 4 in Europa: a Legnano (MI) sulla via Saronnese all’ingresso della città, a Milano vicino al Duomo, e a Parma in Largo Sergio Leone (zona Campus). Inoltre, nuove aperture per Doppio Malto significano anche nuove prelibatezze che entrano a far parte dei già ricchi menù: come le inedite specialità della cucina regionale pugliese. Ma anche nuove birre da condividere in compagnia, a partire dall’ultima arrivata, in edizione limitata, l’Imperial Pils, e le fresche di premiazione del concorso spagnolo CICA, O Sole Mio e Summer IPA. E nell’attesa dell’ordine, guai a prendere in mano il cellulare: Doppio Malto, infatti, promuove e divulga l’arte della convivialità. Si ascolterà buona musica, mentre si gioca a calcio balilla o biliardo. Solo nel mentre, si potranno scattare selfie e condividere stories. E se invece si vuole rimanere a casa a godersi un film o una serie tv, Doppio Malto pensa anche a chi ama passare una serata tra le mura domestiche: i locali provvedono anche al servizio delivery food.

Doppio Malto Legnano
Via Saronnese, 12
20025 Legnano (MI)

Doppio Malto Milano Duomo
Via Dogana, 1
20123 Milano

Doppio Malto Parma
Largo Sergio Leone, 9A
43123 Parma

L'autore: Davide Cappannari

Classe ‘76, nella vita si occupa di comunicazione nel senso più ampio del termine. Nasce professionalmente come IT manager e web specialist, negli ultimi anni si è specializzato nel settore dell’informazione diventando giornalista pubblicista e social media manager. È inoltre il fondatore e curatore del blog specialistico “La Toscana della Birra”.

Leggi anche

4 (anzi 5) luoghi birrari che meritano una visita indipendentemente dalla birra

Viaggiare per la birra è indubbiamente una delle migliori attività di cui possiamo godere come …

Nuovi locali con birra artigianale: Nerd, Rickys, La Culla del Luppolo e Drop 2

Nonostante l’emergenza sanitaria, non ancora superata, e l’attuale crisi energetica, il settore della birra artigianale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca la pubblicità sul nostro sito. La pubblicità è vitale per Cronache di Birra e ci permette di sostenere l’attività di redazione.

 

Per continuare la navigazione per favore disattiva il tuo Ad Blocker o inserisci il nostro sito nella whitelist. Su Cronache di Birra non troverai pubblicità invadenti, come pop-up o video a tutto schermo. Usiamo esclusivamente i banner in alcuni punti delle pagine, in modo tale da non disturbare la lettura e l’interazione.

 

Cheers!